Neobianacid

Di fronte a un bambino che lamenta “mal di pancia” la dispepsia funzionale può essere uno dei primi disturbi a cui pensare.

Chiamata anche “cattiva digestione”, è un problema gastrointestinale importante dalle origini ancora poco chiare. La dispepsia è una condizione frequente che non presenta concomitanti patologie croniche gastrointestinali che possano spiegarne i sintomi.

Questo disturbo può durare anche anni, alterando la qualità di vita del bambino non avendo una facile risoluzione.

I sintomi da tenere in considerazione

I bambini con dispepsia funzionale presentano dolori addominali che possono continuare per anni ed evidenziarsi in due modi diversi. Si può manifestare subito dopo aver mangiato, con un fastidioso senso di pienezza o di sazietà precoce che impedisce di terminare il pasto. A questo si aggiunge gonfiore addominale alto, nausea o eruttazione. I sintomi principali dell’altra modalità sono il dolore, così fastidioso da riuscire a svolgere con difficoltà le attività quotidiane (gioco, studio, attività sportive) o il bruciore, localizzato nell’addome. Il dolore non diminuisce andando in bagno o eliminando aria e può essere indotto o alleviato dal cibo, ma a volte si verifica anche a distanza dal pasto.

Sebbene le cause siano ancora poco chiare, si pensa che questi sintomi possano presentarsi perché lo stomaco svuotandosi molto lentamente produce senso di pienezza, ma anche per una ipersensibilità di stomaco ed esofago legata a stati di stress anche psicologico, agitazione e basso tono dell’umore o ad eventuali processi infiammatori e predisposizione genetica.

Aboca